DISPOSIZIONI PER IL CONTRASTO AL RISCHIO DELLA MALATTIA INFETTIVA CODIV-19 (CORONAVIRUS)

 
ENTRA
 

Assi strategici e priorità trasversali

Lo sforzo di rilancio dell'Italia delineato dall'attuale Piano si sviluppa attorno a tre assi strategici condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale.

La digitalizzazione e l'innovazione di processi, prodotti e servizi rappresentano un fattore determinante della trasformazione del Paese e devono caratterizzare ogni politica di riforma del Piano. L'Italia ha accumulato un ritardo considerevole in questo campo, sia nelle competenze dei cittadini, sia nell'adozione delle tecnologie digitali nel sistema produttivo e nei servizi pubblici. Recuperare questo deficit e promuovere gli investimenti in tecnologie, infrastrutture e processi digitali è essenziale per migliorare la competitività italiana ed europea; favorire l'emergere di strategie di diversificazione della produzione; e migliorare l'adattabilità ai cambiamenti dei mercati.

La transizione ecologica, come indicato dall'Agenda 2030 dell'ONU e dai nuovi obiettivi europei per il 2030, è alla base del nuovo modello di sviluppo italiano ed europeo. Intervenire per ridurre le emissioni inquinanti, prevenire e contrastare il dissesto del territorio, minimizzare l'impatto delle attività produttive sull'ambiente è necessario per migliorare la qualità della vita e la sicurezza ambientale, oltre che per lasciare un Paese più verde e un'economia più verde. sostenibile alle generazioni future. Anche la transizione ecologica può costituire un fattore importante per accrescere la competitività del nostro sistema produttivo, incentivare l'avvio di attività imprenditoriali nuove e ad alto valore aggiunto e favorire la creazione di occupazione stabile.

Il terzo asse strategico è l'inclusione sociale. Garantire una piena inclusione sociale è fondamentale per migliorare la coesione territoriale, aiutare la crescita dell'economia e superare profonde diseguaglianze spesso accentuate dalla pandemia. Le tre priorità principali sono la parità di genere, la protezione e la valorizzazione dei giovani e il superamento dei divari territoriali. L' empowerment femminile e il contrasto alle discriminazioni di genere, l'accrescimento delle competenze, delle capacità e delle prospettive occupazionali dei giovani, il riequilibrio territoriale e lo sviluppo del Mezzogiorno non sono univocamente affidati a singoli interventi, ma perseguiti quali obiettivi trasversali in tutti i componenti del PNRR.

Missioni e componenti del Piano

Le Linee guida elaborate dalla Commissione Europea per l'elaborazione del PNRR identificano i Componenti come gli ambiti in cui aggregare progetti di investimento e riforma dei Piani stessi.

Ciascuna componente riflette riforme e priorità di investimento in un determinato settore o area di intervento, ovvero attività e temi correlati, finalizzati ad affrontare sfide specifiche e che formino un pacchetto coerente di misure complementari. I componenti hanno un grado di dettaglio sufficiente per evidenziare le interconnessioni tra le diverse misure proposte.

Il Piano è articolato in sei Componenti, raggruppati in sei Missioni. Queste ultime sono articolate in linea con i sei Pilastri menzionati dal Regolamento RRF e illustrati nel paragrafo precedente, sebbene la formulazione segua una sequenza e un'aggregazione leggermente diverse.

MISSIONE 1: Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo

Sostiene la transizione digitale del Paese, nella modernizzazione della pubblica amministrazione, nelle infrastrutture di comunicazione e nel sistema produttivo. Ha l'obiettivo di garantire la copertura di tutto il territorio con reti a banda ultra-larga, migliorare la competitività delle filiere industriali, agevolare l'internazionalizzazione delle imprese. Investire inoltre sul rilancio di due settori che caratterizzano l'Italia: il turismo e la cultura.

MISSIONE 2: Rivoluzione verde e transizione ecologica 

È il momento di realizzare la transizione verde ed ecologica della società e dell'economia per rendere il sistema sostenibile e garantire la sua competitività. Comprende interventi per l'agricoltura sostenibile e per migliorare la capacità di gestione dei rifiuti; programmi di investimento e ricerca per le fonti di energia rinnovabili; investimenti per lo sviluppo delle principali filiere industriali della transizione ecologica e della mobilità sostenibile. Sono previste inoltre azioni per l'efficientamento del patrimonio immobiliare pubblico e privato; iniziative per il contrasto al dissesto idrogeologico, per salvaguardare e promuovere la biodiversità del territorio e per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento e la gestione sostenibile ed efficiente delle risorse idriche.

MISSIONE 3: Infrastrutture per una mobilità sostenibile

Se si pone l'obiettivo di rafforzare ed estendere l'alta velocità ferroviaria nazionale e potenziare la rete ferroviaria regionale, con particolare attenzione al Mezzogiorno. Potenzia i servizi di trasporto merci secondo una logica intermodale in relazione al sistema degli aeroporti. Promuove l'ottimizzazione e la digitalizzazione del traffico aereo. Punta a garantire l'interoperabilità della piattaforma logistica nazionale (PNL) per la rete dei porti.

MISSIONE 4: Istruzione e ricerca

Punta a colmare le carenze strutturali, quantitative e qualitative dell'offerta di servizi di istruzione nel nostro Paese, in tutto il ciclo formativo. Previsto l'aumento dell'offerta di posti negli asili nido, favorisce l'accesso all'università, rafforza gli strumenti di orientamento e riforma il reclutamento e la formazione degli insegnanti. Include anche un significativo rafforzamento dei sistemi di ricerca di base e applicativi e nuovi strumenti per il trasferimento tecnologico, per aumentare il potenziale di crescita.

MISSIONE 5: Coesione e inclusione

Investire nelle infrastrutture sociali, rafforzare le politiche attive del lavoro e sostenere il sistema duale e l'imprenditorialità femminile. Migliorare il sistema di protezione per le situazioni di fragilità sociale ed economica, per le famiglie, per la genitorialità. Promuove inoltre il ruolo dello sport come fattore di inclusione. Un'attenzione specifica è riservata alla coesione territoriale, al rafforzamento delle Zone Economiche Speciali e alla Strategia nazionale delle aree interne. Potenzia il Servizio Civile Universale e promuove il ruolo del terzo settore nelle politiche pubbliche.

MISSIONE 6: Saluto

È focalizzata su due obiettivi: il rafforzamento della prevenzione e dell'assistenza sul territorio, con l'integrazione tra servizi sanitari e sociali, e l'ammodernamento delle dotazioni tecnologiche del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Potenziamento del Fascicolo Sanitario Elettronico e sviluppo della telemedicina. Sostiene le competenze tecniche, digitali e gestionali del personale del sistema sanitario, oltre a promuovere la ricerca scientifica in ambito biomedico e sanitario.

 Https://drive.google.com/drive/folders/1EQqOG-0B6v3mjmXefKwMkMKW4ui9KdyG?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/1aqi0S4kVnXEg_Yx-0y8zu7oZhYg5q0VQ?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/12vDSo2eGEM0NPIHimf9EaGYpjYNs22Gw?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/1wcMnMfGPwVc0r_bed3irs98RgEWf-fhL?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/17EvzoVW_6tC38InvzdUJhvmMD12xte_v?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/1tEBJJolXNh0Im06HeaIIs_6Gxhlcbmnc?usp=drive_link

 

https://drive.google.com/drive/folders/1IXRBTpsiOIiBSYw0Km2tsllo0CayDQMr?usp=drive_link

 

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
session
www.comune.foianodivalfortore.bn.it
a7d1d9c9b7e07b52718a88449b992131
Accept
Decline
Session
jfnllm0v40rvc4pof668jehlkg
www.comune.foianodivalfortore.bn.it
Session cookie
Accept
Decline